L'indifferenza del legislatore

Articolo pubblicato a pagina 15 de il manifesto

Scelte di fine vita: si torna a parlarne e non è la prima vol ta. La legge sulle Disposizioni anticipate di trattamento (Dat) ha impegnato il legislatore per ben 4 anni, senza alcun risultato. Se ancora serve una discussione sul tema per «non eludere un sereno e approfondito confronto di idee sulle condizioni estreme di migliaia di malati terminali», come detto da Napolitano, bisogna aiutarsi chiarendo quali siano gli obiettivi e cosa sia urgente fare.

L’obiettivo dei Radicali è da anni al centro di campagne politiche portate all’attenzione dell’opinione pubblica grazie all’iniziale impegno di Luca Coscioni. Con la proposta di legge popolare «Rifiuto di trattamenti sanitari e liceità dell’eutanasia» si è cercato di dare risposta a quei malati terminali che vogliono poter disporre del proprio corpo fino alla fine. Per regolare un fenomeno presente seppur clandestinizzato, nella proposta si prevede che ogni cittadino «può rifiutare l’inizio o la prosecuzione di trattamenti sanitari, nonché ogni tipo di trattamento di sostegno vitale e/o terapia nutrizionale» riprendendo e riconoscendo quindi l’art. 32 della Costituzione. Il personale medico e sanitario è tenuto a rispettare la volontà del paziente anche quando questo chiede il trattamento eutanasico, purché tale richiesta provenga da una persona maggiorenne, capace di intendere e volere, ì cui parenti entro il secondo grado e il coniuge siano stati informati della richiesta e abbiano avuto modo di colloquiare con la persona. Il paziente, che deve essere stato «congruamente ed adeguatamente informato delle sue condizioni e di tutte le possibili alternative terapeutiche e prevedibili sviluppi clinici», deve comunque essere «affetto da una malattia produttiva di gravi sofferenze, inguaribile o con prognosi infausta inferiore a diciotto mesi». Dello stesso parere una trasversale pattuglia di parlamentari sottoscrittori della proposta già depositata alla Camera. Di fronte alla pressione di decine di milioni dí cittadini favorevoli a tali provvedimenti (il Rapporto Eurispes Italia 2014 conferma che il 71,7% degli italiani è favorevole alla regolamentazione dei testamenti biologici e il 58,9% alla legalizzazione dell’eutanasia) e di fronte alla richiesta di oltre 190mila firmatari attraverso i siti della campagna EutanasiaLegale e Change.org, il Parlamento elude il confronto ormai da 246 giorni. Intanto, davanti alla negligenza del legislatore, assistiamo al fenomeno di coloro che si recano in esilio per morire.

Matteo Mainardi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *