Dalle «cento città» al Parlamento

Articolo di Valentina Angela Stella pubblicato a pagina 15 de il manifesto

Abbiamo aiutato Damiana, una donna di 68 anni affetta da sclerosi multipla, a ottenere l’eutanasia in Svizzera (video su radioradicale.it). Continueremo ad aiutare chi si rivolgerà a noi con la speranza che arrivi la soluzione politica: l’eutanasia legale in Italia.

13 settembre 2013: l’Associazione Luca Coscioni consegna alla Camera oltre 67mila firme per una proposta di legge di iniziativa popolare per la liceità dell’eutanasia e il testamento biologico.

28 ottobre: l’Associazione incontra la Presidente della Camera Boldrini che dichiara: «Vogliamo che per queste proposte ci sia la certezza dell’esame, un iter dal tempi definiti e la possibilità per i promotori di seguirne l’avanzamento».

18 marzo 2014: il Presidente della Repubblica invia a Carlo Troilo e all’Ass. Coscioni un messaggio. «Ritengo anch’io che il Parlamento non dovrebbe ignorare il problema delle scelte di fine vita e eludere ‘un sereno e approfondito confronto di idee’ su questa materia».

9 giugno: l’Associazione chiede al Parlamento «un’indagine conoscitiva» sul «Come si muore in Italia».

10 luglio: Napolitano a un incontro con il Comitato Nazionale di Bioetica osserva: «Il silenzio osservato negli ultimi tempi dal Parlamento non può costituire un atteggiamento soddisfacente rispetto a problemi la cui complessità e acutezza continua ad essere largamente avvertita».

13 settembre, sabato scorso: la proposta di legge giace dimenticata in Parlamento. Nessuna calendarizzazione, nessun dibattito nelle commissioni a cui è stata assegnata, Affari Costituzionali e Giustizia.

Termina la tre giorni di mobilitazione nazionale «100 città per l’eutanasia legale e il biotestamento»: manifestazioni, raccolte firme per l’istituzione dei registri dei testamenti biologici nei Comuni, girotondo di Mina Welby e degli altri dirigenti dell’Ass. Coscioni, Marco Cappato, promotore dell’iniziativa, Matteo Mainardi, coordinatore, Filomena Gallo, Segretario dell’Associazione intorno a Parlamento e Governo per chiedere di discutere la proposta di legge.

Da domani: l’Associazione Luca Coscioni continuerà a chiedere il rispetto di quelle 67mila firme, il rispetto del potere democratico dei cittadini e della Costituzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *