Biotestamento: manca la Banca Dati Nazionale. Min. Salute al lavoro

Newsletter della campagna Eutanasia Legale

La scadenza fissata per i decreti del Ministero della Salute sulla Banca dati nazionale dei Testamenti biologici è stata fissata al 30 giugno 2018. Due mesi dopo la deadline, ancora nulla. Ricordiamo che la legge di bilancio pluriennale 2018-2020 ha stanziato 2 milioni di Euro per l’istituzione di un registro nazionale delle disposizioni anticipate di trattamento.
Cosa è successo in questi due mesi? Il Ministro della Salute Giulia Grillo ha chiesto un parere preventivo al Consiglio di Stato il quale, a fine luglio, ha risposto con un via libera.

E’ lo stesso Ministro Grillo il primo ad aver commentato la risposta del CdS: «I chiarimenti del massimo organo della Giustizia amministrativa -ha spiegato- ci consentono di ultimare la predisposizione di un provvedimento molto atteso dai cittadini, ma purtroppo per lungo tempo dimenticato nei cassetti del Ministero». Infatti, ha sottolineato, «subito, al momento del mio insediamento come Ministro, ho messo all’ordine del giorno un tema di civiltà, per dare finalmente applicazione a una legge nazionale che non poteva restare disattesa. Presto il biotestamento potrà diventare dunque pienamente realtà».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *