Le promesse di Conte e Grillo, il Parlamento immobile e la disobbedienza civile

Newsletter della campagna Eutanasia Legale

Dopo la promessa della Ministra della Salute Giulia Grillo – di ormai 6 mesi fa – di velocizzare l’iter dei decreti attuativi per la creazione della Banca dati delle disposizioni anticipate di trattamento, ora anche il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte si impegna in tal senso. A strappare la promessa, i dirigenti dell’Associazione Luca Coscioni che lo hanno incontrato lunedì 7 gennaio.

Al centro della conversazione anche la proposta di legge di iniziativa popolare per la legalizzazione dell’eutanasia e il rispetto dell’ordinanza con cui la Corte Costituzionale a ottobre ha dato undici mesi al Parlamento per legiferare. Palazzo Chigi, nella sua nota di resoconto del colloquio, non ha replicato nel merito di quest’ultima richiesta.

Il Parlamento rimane quindi immobile avendo calendarizzato, dall’inizio della legislatura giallo-verde, 0 (zero) proposte di legge di iniziativa popolare e – a ben vedere – anche pochissime proposte di legge di iniziativa parlamentare.

A stimolare il dibattito pubblico sarà nuovamente la disobbedienza civile di Marco Cappato e Mina Welby che lunedì 14 gennaio, alle 9.30, saranno ascoltati dal Tribunale di Massa in quanto imputati nel processo che riguarda il suicidio assistito ottenuto in Svizzera da Davide Trentini grazie all’aiuto dei due leader dell’Associazione Luca Coscioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *